Stefano Todini nasce a Tarquinia nel 1969. Si avvicina alla scultura giovanissimo. Nel 1984 a Viterbo frequenta una scuola per scalpellini dove si diploma sotto la guida dello scultore Luigi Fondi. Per circa due anni accresce la sua esperienza realizzando i primi manufatti nelle cave di peperino a Vitorchiano . Successivamente a Tarquinia acquisisce diverse tecniche frequentando lo  studio dello scultore Patrizio Zanazzo, poi, da autodidatta,  perfeziona  le sue tecniche sia nella scultura che nella lavorazione della ceramica. Nel 1989 apre a Tarquinia con il fratello Roberto il laboratorio di scultura e arredamento (Todini Sculture). Nel 2012 ottiene  l’uso del contrassegno d’origine e qualità dell’artigianato artistico della regione Lazio e nel 2015, quale “Artigiano Oma, viene inserito nel portale dell’artigianato artistico d’eccellenza. Molte sue opere di artigianato artistico e design sono esposte in collezioni pubbliche e private in Russia ,Giappone ,Francia e Italia . Ha partecipato a mostre collettive e concorsi. Nel 1995 vince il primo premio della sezione scultura nel  concorso “Arte Giovane” indetto dal comune di Tarquinia. Nel 1998  vince il primo premio per la qualificata produzione presentata alla settima edizione del concorso per l’artigianato artistico  ARTCO (Viterbo). Nel 2011 e nel 2016 vince il primo premio della mostra concorso  “Forme e Colori della terra di Tuscia” a (Viterbo).